ARRIVA “SMART WATER GRID”


L’acqua è un bene indispensabile che si sta consumando rapidamente. Alcuni ricercatori scientifici specializzati stanno cercando di sviluppare strumenti e infrastrutture per misurare anche per l’acqua.
Il sistema che stanno realizzando si chiama Smart water grid e significa un sistema di infrastrutture e software che permettono una misurazione in tempo reale dell’uso e del consumo idrico. In sostanza, è composto da una serie di strumenti – contatori e sensori installati in case e uffici – che permettono di valutare l’utilizzo dell’acqua.
Poiché la lettura dei contatori tradizionali avviene di rado, uno strumento intelligente, invece, permetterebbe di controllare più frequentemente i valori di consumo. In questo modo si realizzerebbe un vero e proprio dialogo in tempo reale con la centrale e e si potrebbe avere un immediato feedback in merito alla quantità d’acqua utilizzata, al momento in cui avviene il consumo e al suo costo.
Grazie a quest’innovazione si potrebbe risparmiare moltissimo. La Toronto Hydro si aspetta di spendere 33 milioni di dollari in meno sulla lettura dei contatori e di recuperare 24 milioni di dollari che ha perso per l’inesattezza del costo riportato sulle bollette.
Ci sono alcuni strumenti disponibili in questo campo, come per esempio il Google Power Meter, un software libero che serve per monitorare il consumo energetico e può includere anche quello idrico.
Oltre a Google ci sono IBM, Siemens, Oracle e numerose altre aziende che si sono accorte della grande opportunità della smart water grid. Secondo la TechNavio, le previsioni per questo mercato raggiungono i 500 milioni di dollari nel 2010 e le tecnologie intelligenti per l’acqua potrebbero arrivare a toccare 16,5 miliardi di dollari entro il 2020.